Paolo Penko_ Nel Palazzo di Cosimo. I simboli del potere