2008: Conoscere, fare e vivere i mestieri d’Arte

DSC05841Il 16 maggio 2008 si è tenuto, presso Palazzo Corsini, un nuovo incontro internazionale organizzato da OmA, dal titolo: Conoscere, fare e vivere i mestieri d’Arte – “I Musei, la promozione, la didattica e la formazione al mestiere d’arte”.

Dopo il Convegno internazionale sull’Artigianato Artistico “Mestieri d’Arte: un patrimonio per il futuro” e le giornate di studio del 23 e 24 novembre scorsi, terminate con il workshop che ha visto riuniti al tavolo delle discussioni i principali rappresentanti delle istituzioni relative all’artigianato, italiane come estere, l’OmA – Ente Cassa di Risparmio di Firenze, si è fatto promotore di un nuovo importante appuntamento nel campo dei Mestieri d’Arte.

Il Terzo Incontro, organizzato dall’Osservatorio dei Mestieri d’Arte ha analizzato il ruolo della formazione e della didattica nei musei dei mestieri d’arte. All’incontro hanno partecipato alcuni musei europei per contribuire ad elaborare un modello per la formazione.

La didattica museale rappresenta infatti l’insieme di metodologie e strumenti utilizzati dalle istituzioni museali e da quelle scolastiche per permettere ad un vasto pubblico di apprezzare ogni tipo di esposizione culturale.  Questa dovrebbe tener conto della cultura generale, della competenza professionale, del rispetto delle differenze, della capacità di cooperare, della responsabilità e dell’autonomia di giudizio, e infine delle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione nel campo dell’educazione.

L’incontro, organizzato dall’Osservatorio dei Mestieri d’Arte ha soprattutto analizzato il ruolo della formazione e della didattica nei musei dei mestieri d’arte.

Come suscitare nei giovani un vero interesse per le arti e i mestieri della tradizione? Come indirizzare l’adulto, potenziale collezionista o acquirente,  all’apprezzamento delle arti decorative, come implementare la formazione professionale dell’artigiano?

Il terzo incontro OmA grazie a prestigiosi nomi della didattica museale nazionale ed internazionale, ha voluto aprire una discussione tra i musei e il settore della formazione nell’intento di individuare problematiche ed eccellenze e strutturare un nuovo modello di sviluppo.

Hanno partecipato:  Marco Hagge, giornalista RAI; Giorgiana Corsini, Presidente Associazione Giardino Corsini; Edoardo Speranza, Presidente Ente Cassa di Risparmio di Firenze; Giovanna Folonari, Assessore al turismo e alla cultura della Provincia di Firenze; Paolo Cocchi Carla Guiducci Bonanni, Presidente Associazione Amici dei Musei, Firenze; Patrick Amblard, Commissione Europea, Direzione Generale Politica Regionale; Petya Koleva, International partnerships & cultural economy consultant, intercultura consult; Angela Bersotti, Responsabile sezione didattica Brescia Musei, Brescia; Giampiero Maracchi, Università di Firenze, coordinamento scientifi co OmA; Gabriele Fabiankowitsch, Responsabile didattica MAK, Vienna; Dusan Seidl, Capo dipartimento servizio didattico Umeleckoprumyslové museum (Museo delle arti applicate), Praga; Anne Vanlatum, Direttrice del Museo Atelier départemental du Verre, Sars-Poteries (Fr); Roberto Lunardi, Direttore del Museo della Paglia e dell’Intreccio, Signa